4 risposte a "Giancarlo Locarno: Francesco Cangiullo – poesia pentagrammata (Neobar eBooks)"

  1. mmm… confesso che i “futuristi” mi hanno sempre lasciato un po’ freddino (tipo lo spazio siderale senza vita). intendo, mi stanno simpatici (ad esempio, l’audio della poesia pentagrammata di Cangiullo qui proposto è assai godibile), ma non riesco a cancellare la spiacevole sensazione che per cercare/trovare l’essere umano invece di “spingersi un poco dentro l’uomo” (prendendo a prestito le parole di Iole, che saluto con bacio e abbraccio incorporati), s’imbarchino per “mondi lontanissimi” (prendendo a prestito le parole di Battiato per restare in ambito musicale).
    : )))
    il che mi riporta alla vexata quaestio di come gestire al meglio il rapporto biunivoco tra forma e sostanza in poesia e ai miei limiti di parolaio secernente prose acapate che incarnano “neurodeliriche” più che Poesie. sì, insomma, riesco ad amare senza sforzo squilibri dove di sostanza ce n’è tanta (e poca forma), mentre gli squilibri opposti mi frigidizzano i neuroni.
    non a caso, ogni tanto mia moglie mi dà dello squilibrato…
    : )))

    "Mi piace"

  2. Prima che del rapporto tra forma e sostanza, il futurismo mi suggerisce quello tra soggettività e « il grande oggettivo » con cui quella confina, mi sembra una delle cose importanti l’esplorazione del contorno, o confine tra l’essere umano e il resto, ovvero l’oggettività della soggettività, tenendo conto che anche le altre persone fanno parte del « grande oggettivo ».
    Andare verso l’uomo, come dice Iole, che saluto, bisogna specificare meglio cosa vuol dire, i grandi temi umani della vita e della morte sono affrontati, mutatis mutandis, con la stessa lucidità oggi e dall’autore del poema di Gilgamesh, e quello che muta è appunto il confine con il mondo e con la storia. Credo non sia irrilevante l’esistenza della gravitazione del secondo principio della termodinamica o del capitalismo sempre più spietato nell’andare in profondità dell’uomo, altrimenti significherebbe solamente rimestare un formulario narciso-psicologistico.
    La forma e la sostanza, ho l’impressione che nei grandi autori siano in equilibrio, Leopardi e Rimbaud sapevano contare le sillabe e sistemare gli accenti secondo il metro scelto, ma questo non ha sbilanciato l’opera verso uno dei due poli, e non ha inficiato il senso e la qualità della poesia, vedo la forma metrica come un modo per segnalare che non tutte le parole vanno bene, ma serve una concentrazione per trovare quella giusta. Per la prosa magari la forma è meno importante, però il fatto che chi scrive un romanzo gli dia un titolo, o una suddivisione in capitoli, è già indulgere ad una forma, c’è il caso eclatante dell’Ulisse di Joyce dove ogni capitolo ha una corrispondenza con un episodio dell’odissea, con una parte del corpo, e con uno stile letterario, secondo uno schema che è riportato in tutte le introduzioni al romanzo.
    Devo specificare che parlo come lettore, perché fondamentalmente sono un lettore appassionato di poesia ma anche di letteratura in generale,
    è vero che ogni tanto scrivo delle poesia, però tengo anche un orto senza pensare per questo di essere un contadino. Però non coltivo l’orto o scrivo qualche poesia per passare il tempo, ma per mangiare le verdure e per cercare di esprimere qualcosa come farebbe un poeta in senso proprio.
    Anch’io sono piuttosto freddo verso il futurismo, però alcune cose, come le tavole parolibere di Marinetti o queste pentagrammate, che si pongono tra il suono, la scrittura e la grafica mi sembrano interessanti, sono la poesia visiva in embrione.

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...