Maurizio Manzo: Fanali di coda (Bollettini Indigeni)

I fanalini di coda delle macchine scivolavano strisciando sugli occhi di Rolando, mentre i fanali frontali riflettevano una luce tonda che si allargava come quando lanci un sassolino dentro uno stagno. Rimase ore sul ciglio della strada, con la macchina bloccata, aspettando un aiuto o un passaggio che non chiedeva e osservando i colori del … More Maurizio Manzo: Fanali di coda (Bollettini Indigeni)

Maurizio Manzo – Il parco (Bollettini Indigeni)

IL PARCO Così era il parco quella mattina. Zeppo di curiosi e di indiscriminati rumori. Zimbra non si era mai svegliata così disperata, nel caos. Poi, non capire esattamente cosa succede, aumenta l’inquietudine, alimenta l’inverosimile. L’ora era quella in cui tutti si recano al lavoro o preparano i figli per la scuola, la scuola materna, … More Maurizio Manzo – Il parco (Bollettini Indigeni)

Maurizio Manzo: Padre Nostro (Bollettini Indigeni)

PADRE NOSTRO Anche se inverosimile non poteva che essere così per il signor Oreste, tanto che decise di non pensarci più e definirsi un indebitato congenito. Il primo ricordo di debito del signor Oreste, risale a quando da bambino riuscì a imparare la preghiera Padre Nostro, lì, si accorse che doveva qualcosa a qualcuno e … More Maurizio Manzo: Padre Nostro (Bollettini Indigeni)

Maurizio Manzo: Adamo P. (Bollettini Indigeni)

ADAMO P. Adamo P. non aveva mai sbattuto la porta di casa così forte, facendola traballare alle sue spalle e senza neanche voltarsi scese la rampa di scale, breve, che lo immetteva direttamente sulla piazza principale del paese e si mischiò alla gente. Era furioso, quello che inizialmente gli sembrava una sensazione, strana, ma una … More Maurizio Manzo: Adamo P. (Bollettini Indigeni)