Guglielmo Aprile – Il sentiero del polline

Guglielmo Aprile – Il sentiero del polline, Kanaga Edizioni, 2020 Il titolo riprende un’espressione propria del linguaggio della mistica navaho: allude al simbolico itinerario spirituale a cui erano chiamati gli iniziati durante le cerimonie religiose tenute da questo popolo, quando un nuovo membro della comunità perveniva, tramite danze e preghiere, canti sacri e pitture sulla … More Guglielmo Aprile – Il sentiero del polline

Paolo Vincenti: Gli arrabbiati

GLI ARRABBIATI “Compagni dai campi e dalle officineprendete la falce e portate il martelloscendete giù in piazza picchiate con quelloscendete giù in piazza affossate il sistema” (“Contessa” – Paolo Pietrangeli) E poi ci sono gli “arrabbiati” come Paolo Pietrangeli, che si collocano nel filone della canzone di protesta degli anni Settanta, fortemente impegnata, che scrivono … More Paolo Vincenti: Gli arrabbiati

Giancarlo Locarno: Poeti per il Casanova di Fellini

Andrea Zanzotto è stato l’interlocutore privilegiato nella definizione della lingua del film Casanova, che Fellini  voleva fosse “un’estrosa promiscuità tra il dialetto ruzantino e il veneto goldoniano”  che potesse riflettere “il riverbero della visionarietà stralunata che mi sembra di aver dato al film”, così il regista scrive in una lettera a Zanzotto, che a sua … More Giancarlo Locarno: Poeti per il Casanova di Fellini

Monica Baldini: Piove

Piove sui rami d’ulivo, su la tensione della mimosa elastica sulle foglie profumate di geranio e sui petali di rosa aperti sul limone e sul ciliegio sulle piante grasse vicine aderenti e belle sul verde del pitosforo sui fiori lilla e sul pavimento che accoglie sui vetri che risuonano la pioggia che balza, sui tetti … More Monica Baldini: Piove

Giaculerie – poesie inedite di Paolo Vincenti

Vita Corre senza intendimento con un volo indiavolato verso un destino inconosciuto corre senza governo come un destino non segnato in un volo cieco e sfrenato Repleto Di muri crollati e cineseria di situazioni da de jà vu di miti morti e copisteria di ansie, stress e tabù di morali borghesi e salamelecchi di caroselli … More Giaculerie – poesie inedite di Paolo Vincenti

Giancarlo Locarno: Luca Canali, il silenzio delle pulci

Ho incontrato la poesia di Luca Canali (1925-2014) da ragazzo, negli anni 70, le sue due raccolte : “La deriva” e “Il naufragio” sono state per me una scoperta significativa,  mi avevano colpito gli slanci  improvvisi verso l’alto dei cieli,  seguiti subito dopo  dalle repentine discese  nel profondo di un inferno personale, dove anche le … More Giancarlo Locarno: Luca Canali, il silenzio delle pulci

Continua… La Rivoluzione degli Eucalipti!

Continua… La Rivoluzione degli Eucalipti!  La notizia del prolungamento della Mostra di Nina Maroccolo “La Rivoluzione degli Eucalipti” (inaugurata a Roma, il 14 Maggio, presso la Galleria d’Arte Moderna di via Francesco Crispi, doveva chiudere a fine Agosto, ma sarà prorogata fino al 10 di Ottobre), è davvero una bella cosa. Grazie al placet della … More Continua… La Rivoluzione degli Eucalipti!

“Per segni accesi” di Annamaria Ferramosca

In questo nuovo libro di Annamaria Ferramosca l’auspicio naturale pare essere quello di una rigenerazione, di un nuovo originarsi planetario e umano, che spontaneamente fluisca verso un sentire collettivo, una comunità umana futura che abbia abbattuto i confini dello spazio e del tempo. Se la voce illumina, la prima cosa a venire illuminata dai segni … More “Per segni accesi” di Annamaria Ferramosca

“Poesia per Kabul e la tristezza orrida” di Monica Baldini

Quei corpiil dolore che scendein bassostroncato dalla speranzadi salvarsidi volare. Eppure è vero è realequel dolorechespinge all’assurdopur di illudersi chemorire in quota siameglio. Corsa folledisperata,la sola che anima.Il desiderio difuggiree andarsene.Come si puòimmaginarel’incubo. E cosa ne saràdi chi restadegli alleati all’Occidentedi quell’Occidente potenteche ha fallitodelle donnedei bambinicosa ne sarà? Corridoirimpatriasilo20 anni sprecati400 mila in fugaper … More “Poesia per Kabul e la tristezza orrida” di Monica Baldini