Paolo Vincenti: Cosa resterà degli anni Ottanta?

COSA RESTERA’ DEGLI ANNI OTTANTA? “Dentro o fuori la televisione? meglio artefatto e volgare o meglio coglione? il risultato è il tuo cosmetico efficacia ne ha tanta se la mia pelle è nel 2000 e la tua è ancora anni ’80” (“Non si esce vivi dagli anni Ottanta”-  Afterhours)   “Non si esce vivi dagli … More Paolo Vincenti: Cosa resterà degli anni Ottanta?

Paolo Vincenti: “Ho scelto di sbagliare”, ricordando Enrico Nascimbeni

ENRICO NASCIMBENI: “HO SCELTO DI SBAGLIARE” La foto di copertina è bella e vale almeno quanto il libro. Ritrae l’autore, Enrico Nascimbeni, seduto su uno sgabello, che osserva il padre lavorare con sguardo adorante. E dall’altra parte della scrivania lui, “una montagna troppo alta da scalare” per dirla con Venditti, Giulio Nascimbeni, intento a ritoccare … More Paolo Vincenti: “Ho scelto di sbagliare”, ricordando Enrico Nascimbeni

Paolo Vincenti: A ogni giorno il suo affanno – Donnone e donnine (6)

Donnone e donnine Non sopporto la donna androgina, la virgo potens, l’amazzone potente e distruttrice. Quella che combatte come una Pentesilea (che poi venne sconfitta da Achille) e fa strage dei nemici, vendicativa come Tomiride ( la mitica regina degli Sciiti che sconfisse Ciro il Grande, lo uccise selvaggiamente, ne tagliò la testa e la conservò … More Paolo Vincenti: A ogni giorno il suo affanno – Donnone e donnine (6)

Paolo Vincenti: A ogni giorno il suo affanno – Il fighetto (5)

Il fighetto Spesseggiano in questo mondo di imbecillità, anche i signorini, i damerini, versione  anni duemila del “gagà” dei tempi passati.  Per loro l’abito fa il monaco. L’abito, ossia l’apparire, è tutto, forma e sostanza. Qualcuno li tiene per autorevoli, arbitri dell’eleganza. Se sono squattrinati, fanno i personal shopper, i dog sitter, i wedding planner, … More Paolo Vincenti: A ogni giorno il suo affanno – Il fighetto (5)

Paolo Vincenti: A ogni giorno il suo affanno – Il politico di paese (4)

Il politico di paese Pesti della convivenza civile, vergogna di una comunità, sono i politici di paese. Seminatori di sospetti e dicerie, più doppi di una moneta fuori corso, più falsi di una Lacoste contraffatta, più puzzolenti di un caprone, più rapaci di un condor, più furbi di una volpe, più menagramo di un gufo, … More Paolo Vincenti: A ogni giorno il suo affanno – Il politico di paese (4)