William Ernest Henley tradotto da Emilio Capaccio

Di là lontano sferragliano rumor di passi. La brutta ustione attende sul capo non bendato. Il mio vicino soffoca nella morsa di cloral. O mondo orrendo! W. E. H. William Ernest Henley (1849-1903), traduzione Emilio Capaccio  INVITTO Dal fondo della notte che m’avvolge, nera come pozzo da polo a polo, ringrazio qualunque dio possa esistere … More William Ernest Henley tradotto da Emilio Capaccio

William Ernest Henley: Invictus (trad. Abele Longo)

Dal buio della notte che mi trova come in una fossa fino ai piedi, rivolgo il mio grazie agli déi per la mia anima  invincibile.   Nella morsa degli eventi non ho mai disperato. Colpito dal fato, non ho chinato indomito il capo ferito.   Oltre questo luogo di rabbia e lacrime, dove incombe l’orrore … More William Ernest Henley: Invictus (trad. Abele Longo)