Due poesie di Leopoldo Attolico

 

La sciarpa dimenticata

Rossa rossa stravistosa
diceva lampeggiando:
“Leopoldo verrà a riprendermi
-è questione di tempo;
sopportatemi, per favore”.
Poi, con più fervore:
“Lasciatemi qui in vista, sulla cappelliera;
bianca di tempo impolverata
non me la passo male;
mi gusto più l’idea di essere ritrovata!
E poi, in fondo,
sono la sua presenza che attende di tornare;
perché lui tornerà;
lui stava bene in questa casa.
Custodita così
sono un’ipotesi d’amore
-forse di più, un colore che la scalda”

*

Quando seppi che per qualche misteriosa ragione

Quando seppi che per qualche misteriosa ragione
si portava a letto -bella vuota- la sua borsa
d’acqua calda in piena estate, chiamai a raccolta
un manipoletto di parole poliziotte ma discrete
e le spedii per una spiegazione

Lui le accolse nel salotto buono della mente
e in piena luce le presentò a quattro consorelle
acchiappate di getto dopo un amen in aerea sospensione

Appena le parole fecero amicizia ne uscirono scintille
che divennero subito rogo di tenera vertigine,
con il pudore che andava a farsi benedire…
Vi distinsi un tremito di voce mai ascoltato prima
-forse di più, il crepitio veloce di quattro passi in paradiso.

Mi dissero, partendo da quegli occhi:
-Me la portava mia madre, tutte le sere,
prima che morisse. Faceva un freddo cane
ma ne faceva a meno, e non voleva storie.
Sai com’è, io le ho voluto bene…
E non ho più smesso

 

Leopoldo Attolico (Roma, 5 Marzo 1946), ha pubblicato, a partire dal 1987, sette titoli di poesia e quattro plaquettes in edizioni d’arte. A partire dalla seconda metà degli anni ’90, la sua attenzione è stata rivolta ad una classicità intesa come chiarezza di significati, con inserti di giocosità, ironia/autoironia e senso del paradosso. I testi presentati fanno parte della raccolta Si fa per dire, Tutte le poesie, 1964-2016, Marco Saya Editore, 2018.


5 risposte a "Due poesie di Leopoldo Attolico"

  1. Gran signore della poesia, Leopoldo Attolico, un dandy per la precisione. Verso di sobrietà raffinata, tagliente. Da flâneur che va per la sua strada, porta le parole a spasso controcorrente.

    Mi piace

  2. Ironico e tenero, Leopoldo Attolico scrive poesie per divertimento, ma intrise di calda umanità e di colore.
    Lo leggo sempre con piacere e “per qualche misteriosa ragione” lo ritengo un arguto maestro della parola.
    Complimenti!
    Rosaria Di Donato

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...