12 risposte a "Maurizio Manzo: Le linee del rumore (Neobar eBooks)"

  1. Una poesia del cammino esistenziale, del camminare a piedi “come un’ombra impazzita che segue sé stessa”, e ci si trascina dietro le spalle il tempo, come fosse un’oggetto che occupa spazio e può anche germogliare. Ci si parla in seconda persona, forse, per tenersi compagnia, e il pensiero ripercorre tutte le sue immagini di paesaggi scabri e procede con la stessa logica del camminare.

    Piace a 1 persona

  2. letto tutto. parole che sfuggono, il senso delle cose che si sfalda e diventiamo tutti delle ombre (nitide, oblique, come quelle impresse sulle mura dell’immagine di copertina). la doppiezza del tempo passato e presente, i versi ricorsivi, molto ripiegati su se stessi (eh, in fondo, chi più del poeta è un’ “ombra impazzita che (in)segue se stessa”…), quasi che l’io poetico abbia preso coscienza dell’impossibilità di costruire un ponte tibetano che trasponga l’universo soggettivo oltre il dirupo della pagina (o della fine del libro).
    nel complesso ottima resa poetica (però ti preferisco combattivo).
    : )

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...