2 risposte a "Giancarlo Locarno – “Matias Akankari” di Gerson Poyk"

  1. racconto istruttivo (non solo ho imparato cos’è un koteka, ma anche che può esisterne uno a forma di flauto) e coraggioso (la donna che partorisce tra gli scatoloni “all’ombra” dell’hotel a 5 stelle Indonesia). Gerson Poyk è una voce importante, come tutte le voci fuori dal coro, dunque particolarmente preziosa questa tua traduzione. non so se è voluto (magari è una traduzione fedele/letterale del testo indonesiano), ma alcuni salti di concordanza dei tempi tra passato remoto e presente mi sono risultati ostici.

    "Mi piace"

  2. Cerco di fare sempre traduzioni fedeli, perché le considero come esercizi di lettura, però i “salti do concordanza” saranno sicuramente mie sviste “asinine”.

    (il mio commento al calamaro comincia con: “Bel racconto”, ho perso la B, non volevo dare il tocco spagnolo) 🙂

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...